Osteria Lo Bianco, un porto sicuro a due passi dallo “struscio” palermitano

La mia comfort zone a Palermo indossa le tovaglie di stoffa a quadri bianchi e rossi e non mi fa mai mancare un piatto di pasta con la glassa più che dignitosa. L’osteria Lo Bianco, nella sede storica di via Emerico Amari, è una sosta imprescindibile dei miei viaggi a Palermo, dai tempi in cui collaboravo con il Giornale di Sicilia. Parlo degli inizi degli anni ’90 del secolo scorso. Da quelle prime scorribande gastronomiche, poco o nulla è cambiato sia in cucina che nella sala di questo locale aperto al pubblico dal 1931.

 

osteria lo bianco i diari della caponata
La sala dell’Osteria Lo Bianco è cambiata poco nei tanti decenni di attività

POSIZIONE STRATEGICA

La sua posizione al centro della capitale siciliana è strategica: l’osteria Lo Bianco è vicina al teatro Politeama e a via Roma, una delle strade dello “struscio” palermitano. E a due passi dal salotto a cielo aperto di via Principe di Belmonte. Il porto con la sua passeggiata fino alla Cala è a un tiro di schioppo.

 

LA MIA VISITA

L’ultima visita in questo storico punto di riferimento della gastronomia tipica palermitana mi ha consegnato molte conferme e qualche piccolo errore. Ottimo il servizio, come sempre, informale ma attento, altrettanto soddisfacente la cucina. La pasta con la glassa, un must dell’osteria, è l’evoluzione in positivo di questo piatto della tradizione palermitana. Semplice, ma gustosissima (grazie alle materie prime fresce e di qualità) la parmigiana di melanzane.

osteria lo bianco i diari della caponata
La parmigiana, semplice e gustosa

L’unico piccolo inciampo è arrivato con la frittura mista di pesce a causa dell’eccessiva presenza di aceto nelle sarde ed una impanatura dalla consistenza sbilanciata. Per accompagnare il pasto non riesco quasi mai a fare a meno del solito sfuso della casa allungato con la gazzosa. Un classico al quale non si può rinunciare in certe osterie.

 

PERCHÈ LO BIANCO È IL MIO PORTO SICURO?

Lo Bianco, a mio sommesso avviso, è oggi meno vicina allo stereotipo dell’osteria verace e senza fronzoli di qualche decennio fa, ma continua ad essere un porto sicuro della ristorazione tradizionale siciliana.

osteria lo bianco i diari della caponata spinnato
Il cannolo di Spinnato

 

UNA DOLCE DEVIAZIONE

Ps. Un ultimo consiglio: rinunciate al dessert; alzatevi, pagate e fate due passi in direzione via Principe di Belmonte dove troverete Spinnato e il suo sontuoso cannolo di ricotta. Amen.

 

 

A proposito, conosci questi posti?

Tischi Toschi, lasciatevi sorprendere dell’osteria autentica a Taormina

San Piero Patti, Da Luciana la tipica osteria di campagna

Madonie, cinque buoni motivi che mi fanno tornare a Castelbuono

Al Padrino, la verace trattoria messinese che non fa sconti sul gusto

 

Share:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
On Key

Related Posts

EnglishFrançaisDeutschItalianoРусскийEspañol
apri chatt
ciao, sono online.
ciao,
sono online

Su questo sito Web utilizziamo strumenti che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Per ulteriori informazioni leggi la nostra informativa