Sicilia, caccia al granchio alieno che ha invaso il Mediterraneo

Il Granchio Blu Atlantico è una specie aliena che ha invaso il Mediterraneo, compresi i mari italiani. Per contrastare la sua diffusione incontrollata, l’Unci Agroalimentare propone di incrementarne la pesca e il consumo

Dallo Jonio al Tirreno all’Adriatico; dalle coste della Sicilia a quelle della Campania, del Lazio, della Puglia, della Liguria; dalle Valli del Comacchio alla laguna di Venezia, alle lagune di Oristano e via dicendo. Il granchio reale blu o granchio azzurro – Callinectes sapidus il suo nome scientifico – è un crostaceo originario dell’Atlantico occidentale che in poco tempo è riuscito a colonizzare il Mediterraneo, invadendo anche i mari italiani e diventando una delle cosiddette specie aliene più temute.

Le specie ittiche non indigene – provenienti soprattutto dal Mar Rosso attraverso il Canale di Suez, ma anche da altri mari e oceani mediante ad esempio le acque di zavorra delle navi – da alcuni anni sono aumentate diffondendosi nel bacino del Mediterraneo molto più rapidamente che in passato. Di ciò la responsabilità principale è attribuita ai cambiamenti climatici e in particolare al riscaldamento delle acque. Qualunque sia la causa dell’accelerazione del processo di colonizzazione del granchio reale blu, la sua progressiva diffusione sta suscitando attenzioni e preoccupazioni; come di recente è emerso in una serie di incontri organizzati in giro per l’Italia, nell’ambito del “Programma Nazionale Triennale della Pesca e dell’Acquacoltura – annualità 2022” da Unci Agroalimentare. La quale è emanazione dell’Unione nazionale cooperative italiane e rappresenta il 45% delle imprese e cooperative della filiera agroalimentare ed ittica del nostro Paese.

granchi blu i diari della caponata

Nella siciliana Marsala, a Goro vicino al delta del Po, in provincia di Ferrara, a Ciro Marina in Calabria e nelle altre città dove si sono svolti gli appuntamenti previsti, i pescatori che hanno partecipato hanno evidenziato le varie criticità legate al Callinectes sapidus considerato una grossa minaccia per la biodiversità delle zone in cui è massivamente presente, poiché prevale sulle specie autoctone, tipo i molluschi bivalvi, minando quindi pericolosamente l’equilibrio di ecosistemi marini. A ciò si aggiungono i danni che spesso riesce a creare agli attrezzi di pesca. Il granchio reale blu può infatti raggiungere notevoli dimensioni con una larghezza del carapace superiore ai 20 centimetri.

Inoltre le sue carni sono commestibili e saporite, ed è questo aspetto che Unci Agroalimentare ha evidenziato con la sua proposta, rivolta ai pescatori locali, di una pesca selettiva per diffondere vendite e consumi del suddetto crostaceo, che già in Italia si è iniziato a commercializzare in alcune località, fra cui – per fare qualche esempio – il mercato ittico di Comacchio, delle pescherie di Chioggia e Venezia, qualche mercato siciliano come a Siracusa e a Catania. Per il presidente Gennaro Scognamiglio: “La pesca selettiva e l’incremento delle vendite potrebbero contribuire a tenere sotto controllo questa specie molto aggressiva e invasiva, aiutando nel contempo i pescatori sul piano economico. Con la collaborazione di ricercatori e degli stessi pescatori, Unci si pone quale portavoce di una ricerca per approfondire la conoscenza di specie ittiche a noi ancora poco conosciute, mirata a costituire una forma di diversificazione del reddito”.

Share:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
On Key

Related Posts

EnglishFrançaisDeutschItalianoРусскийEspañol
apri chatt
ciao, sono online.
ciao,
sono online

Su questo sito Web utilizziamo strumenti che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Per ulteriori informazioni leggi la nostra informativa