Profumi di Sicilia, tradizione da non perdere

Le produzioni alternative in agricoltura sono un segmento del comparto isolano che avrebbe bisogno di maggior impulso. In particolare i profumi da piante officinali ottenuti con i metodi tradizionali. La Sicilia Sud Orientale con il clima e la luce abbondante durante tutto l’arco dell’anno, consente alle piante officinalis di produrre grandi quantità di oli essenziali. 

Questo consentirebbe una produzione di qualità e soprattutto una grande naturalità nei prodotti di sintesi cosmetica. “ Oggi la nostra regione  e il resto del Paese  produce pochissime quantità di piante officinalis – spiega Paolino Uccello esperto di tradizioni popolari – e la richiesta viene evasa grazie all’import dai paesi dell’est Europa dal Marocco dalla Spagna Australia e Cina. Sarebbe opportuno invertire questa tendenza visto che il mondo della cosmesi non ha subito nessuna contrazione. .L’indotto è legato alle numerosissime erboristerie presenti nel paese, ma anche alle aromatiche in generale (origano, timo, salvia, menta, etc.). che possono essere vendute anche al dettaglio e il mondo della cosmesi.  

 

La tradizione popolare siciliana ci ricorda: per far bella una donna servono venti grammi abbondanti di mirra, 5 grammi di semi di finocchio, petali di rosa, quanti ne contiene una mano, orzo macinato. Così consigliavano le “medichesse” alle donne che volevano mantenere la pelle del viso sempre fresca e con poche rughe. Oltre alla maschera per il viso si poteva aiutare la pelle usando della frutta matura come fichi,  susine, albicocche e pere. Un’altra antica ricetta, tramandata attraverso i secoli, consigliava alle donne di usare “cicuta, incenso, aceto bianco, malva, calendula” per mantenere i seni bellissimi. Uno dei problemi che oggi assilla le donne è la lotta alla cellulite, che attualmente viene considerata, una vera e propria malattia, caratterizzata da alterazioni del distretto micro-circolatorio, dove l’inestetismo visibile è solamente l’aspetto eclatante di una situazione clinica già avanzata. E’ indispensabile una corretta alimentazione e la risoluzione di eventuali stati di sofferenza dell’organismo, quali ad esempio i disturbi digestivi, gli stati di sofferenza epatica, la stitichezza, l’insufficienza venosa a la ritenzione idrica, perché tutto ciò può favorire il peggioramento di uno stato cellulitico. Le nostre nonne risolvevano questo problema utilizzando le foglie dell’edera, prima bollite a vapore e poi applicate. Un impiastro di foglie di malva e polpa di mele veniva usato per i brufoli adolescenziali. 

 

Ma cosa migliorare ai fini di un maggiore sviluppo del settore?

“Credo sia opportuno –conclude Paolino Uccello- costruire delle reti, fra produttori, che aiutino il settore a crescere, cercando anche collaborazioni con le Università”. 

 

 

 

 

 

Share:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
On Key

Related Posts