Da Siracusa, percorrendo l’autostrada sino all’uscita di Rosolini si raggiungono Avola, Noto, Rosolini, Pachino, Portopalo: la cosiddetta zona sud. Le terre fertili dei giardini di agrumi, delle mandorle, del vino.

Il mare delle antiche tonnare e delle spiagge sottratte al cemento, della macchia mediterranea, della luce intensa e trasparente del sud estremo della Sicilia. I luoghi selvatici, incantevoli e perturbanti, di Cava Grande e Castelluccio. Lo splendore barocco di Noto.

Carrubbe

E anche questa zona sotto l’aspetto eno-gastronomico non è da sottovalutare, soprattutto se si fa cenno all’ormai pregiato Nero d’Avola e al buon vino Pachino. Inoltre, mentre Pachino è famosa in tutta Italia per la produzione dell’omonima qualità di pomodoro, Avola esporta anche all’estero una pregiatissima qualità di mandorla, con la quale sono confezionate numerose specialità culinarie, e Portopalo è nota per la sua attività marinara e per la sua cucina a base di pesce spada e tonno. Prima di entrare in territorio ibleo, ricordiamo Rosolini, patria del Carrubo. Ad Ispica si producono carote di eccezionale qualità, mentre Modica e Ragusa sono famose, non solo per il barocco, ma per il cioccolato e i formaggi d’autore.

Duomo di Ragusa

I Diari della Caponata

Share:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
On Key

Related Posts

EnglishFrançaisDeutschItalianoРусскийEspañol
apri chatt
ciao, sono online.
ciao,
sono online

Su questo sito Web utilizziamo strumenti che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Per ulteriori informazioni leggi la nostra informativa